Preloader image
IL CDS ANNULLA LA SENTENZA DI PRIMO GRADO SULLA DEFINIZIONE DEL LOSS ADJUSTING AVENDO L’ASL ANNULLATO LA GARA E LA CONDANNA ALLE SPESE
Lo Studio Associato Soncini Sironi Parisi assiste i propri clienti, nazionali e internazionali, nell’affrontare le tematiche proprie del diritto amministrativo sia in ambito giudiziale che stragiudiziale. Si occupa di cause civili di particolare rilievo.
avvocato milano, studio legale milano, diritto amministrativo milano, ricorso tar, avvocato diritto amministrativo milano, diritto amministrativo, avvocato amministrativista milano, miglior avvocato diritto amministrativo milano, avvocato, milano, studio legale, avvocato soncini, avvocato parisi, avvocato sironi
22375
post-template-default,single,single-post,postid-22375,single-format-standard,theme-stockholm,qode-social-login-1.1.3,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-1.1,woocommerce-no-js,select-theme-ver-5.1.7,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,menu-animation-underline-bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
Title Image

IL CDS ANNULLA LA SENTENZA DI PRIMO GRADO SULLA DEFINIZIONE DEL LOSS ADJUSTING AVENDO L’ASL ANNULLATO LA GARA E LA CONDANNA ALLE SPESE

IL CDS ANNULLA LA SENTENZA DI PRIMO GRADO SULLA DEFINIZIONE DEL LOSS ADJUSTING AVENDO L’ASL ANNULLATO LA GARA E LA CONDANNA ALLE SPESE

Pubblicato il 08/10/2019

N. 06832/2019REG.PROV.COLL.

N. 05641/2019 REG.RIC.

N. 05848/2019 REG.RIC.

N. 05897/2019 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 5641 del 2019, proposto da
Assiteca S.p.A. in proprio e in qualità di mandante del costituendo Rti – Aon S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dall’avvocato Maurizio Ferlini, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia;

contro

Asl 2 Lanciano-Vasto-Chieti non costituita in giudizio;

nei confronti

Willis Italia S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avvocati Antonio Longo, Rocco Mangia, Stefano Quadrio, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia e domicilio eletto presso lo studio Antonio Longo in Roma, via Flaminia 56;
Marsh S.p.A., Aon S.p.A., Mediass S.p.A., Willconsulting S.r.l. non costituiti in giudizio;

 

sul ricorso numero di registro generale 5848 del 2019, proposto da
Aon S.p.A. Insurance & Reinsurance Brokers (in forma abbreviata AON S.p.A.), in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dall’avvocato Gianfranco D’Angelo, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia e domicilio eletto presso lo studio Ilaria Cocco in Roma, via dei Gandolfi n. 6;

contro

Willis Italia S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avvocati Antonio Longo, Rocco Mangia, Stefano Quadrio, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia e domicilio eletto presso lo studio Antonio Longo in Roma, via Flaminia 56;
Azienda Sanitaria Locale n. 2 Lanciano – Vasto – Chieti non costituita in giudizio;

nei confronti

Marsh S.p.A., Assiteca S.p.A. Internazionale di Brokeraggio Assicurativo, Mediass S.p.A. non costituiti in giudizio;

 

sul ricorso numero di registro generale 5897 del 2019, proposto da
Marsh S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avvocati Gabriele Di Paolo, Stefano Soncini, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia;

contro

Willis Italia S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avvocati Antonio Longo, Rocco Mangia, Stefano Quadrio, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia e domicilio eletto presso lo studio dell’avvocato Antonio Longo in Roma, via Flaminia 56;

nei confronti

Asl n. 2 Lanciano – Vasto – Chieti, non costituita in giudizio;
Aon S.p.A. in proprio e quale mandataria del costituendo Rti con Assiteca S.p.A., Assiteca S.p.A. in proprio e quale mandante del costituendo Rti con Aon S.p.A., Mediass S.p.A. non costituiti in giudizio;

per la riforma

quanto ai ricorsi n. 5641 del 2019, n. 5848 del 2019 e n. 5897 del 2019:

della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per l’Abruzzo, Sezione staccata di Pescara, (sezione Prima) n. 00144/2019, resa tra le parti, concernente il provvedimento ex art. 29, comma 1, del D. lgs. 50/2016, pubblicato in data 28 gennaio 2019 con il quale la ASL n. 2 di Lanciano-Vasto-Chieti ha disposto le ammissioni dei concorrenti alla procedura aperta per l’affidamento “dei servizi di intermediazione e consulenza assicurativa per le coperture assicurative, nonchè la gestione dei contratti e dei sinistri (Loss Adjuster)”, nella parte in cui sono stati ammessi Marsh S.p.A., Mediass S.p.A. e il costituendo RTI AON S.p.A./Assiteca S.p.A.;

 

Visti i ricorsi in appello e i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio di Willis Italia S.p.A. e di Willis Italia S.p.A. e di Willis Italia S.p.A.;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nell’udienza pubblica del giorno 3 ottobre 2019 il Cons. Stefania Santoleri e uditi per le parti gli avvocati D’Angelo Gianfranco per sé e su delega dichiarata di Ferlini Maurizio, Longo Antonio e Gabriele Di Paolo;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

 

FATTO e DIRITTO

1. – Con ricorsi RG n. 5641 del 2019, n. 5848 del 2019 e n. 5897 del 2019 le appellanti hanno impugnato la sentenza del TAR per l’Abruzzo, Sezione staccata di Pescara, che pronunciandosi in merito al ricorso ex art. 120 comma 2 bis c.p.a., proposto da Willis Italia S.p.A. relativo alle ammissioni alla gara indetta dalla ASL 2 Lanciano-Vasto-Chieti per “l’affidamento dei servizi di intermediazione e consulenza assicurativa per le coperture assicurative, nonché la gestione dei contratti e dei sinistri (Loss Adjuster)”, ha così disposto:

– ha respinto i ricorsi incidentali proposti da Marsh S.p.A. e da Aon/Assiteca S.p.A;

– ha accolto, in parte, il ricorso principale e, per l’effetto, ha annullato il provvedimento impugnato limitatamente all’ammissione in gara delle società Marsh S.p.A. e Aon/Assiteca S.p.A.;

– ha compensato le spese di giudizio.

2. – Dopo la proposizione dei tre appelli la ASL 2 Lanciano-Vasto-Chieti ha comunicato alle parti, con nota del 12 luglio 2019 prot. n. 37639, di aver adottato la deliberazione del Direttore Generale n. 257 del 10 luglio 2019, con la quale è stata disposta la revoca della procedura di gara in questione, indetta con deliberazione n. 1009 del 21 agosto 2018, e successivamente rettificata con deliberazione n. 1138 del 19/9/2018.

3. – Le parti, nelle rispettive memorie, dopo aver rappresentato che l’atto con cui è stata revocata la gara non è stato impugnato e che quindi si è ormai consolidato, hanno chiesto la declaratoria di improcedibilità del ricorso di primo grado e dell’appello con annullamento senza rinvio della sentenza del TAR.

Per effetto della revoca della gara, infatti, sarebbe venuto meno per Willis Italia S.p.A. l’interesse al ricorso di primo grado diretto ad ottenere l’esclusione dalla gara di Marsh S.p.A., Mediass S.p.A. e del costituendo RTI AON S.p.A./Assiteca S.p.A.

Hanno anche chiesto la condanna della stazione appaltante al pagamento delle spese di giudizio ed il rimborso del contributo unificato da esse sostenuto per l’intero contenzioso.

4. – All’udienza pubblica del 3 ottobre 2019 le cause sono state trattenute in decisione.

5. – Preliminarmente il Collegio dispone la riunione dei tre appelli RG. nn. 5641 del 2019, n. 5848 del 2019 e n. 5897 del 2019 ai sensi dell’art. 96, comma 1, c.p.a., in quanto proposti avverso la stessa sentenza.

6. – Sul piano processuale, la revoca – ormai definitiva – della gara per effetto della deliberazione del Direttore Generale della ASL 2 n. 257 del 10 luglio 2019 ha fatto venir meno per la ricorrente in primo grado Willis Italia S.p.A. l’interesse all’esclusione delle società Marsh S.p.A., RTI Aon/Assiteca S.p.A. e Mediass S.p.A. dalla procedura, con conseguente improcedibilità del ricorso di primo grado.

Secondo la consolidata giurisprudenza di questo Consiglio di Stato, ai sensi del combinato disposto degli artt. 35, comma 1, lettera c), 38 e 85, comma 9, cod. proc. amm., nel giudizio amministrativo il rapporto processuale non perde la sua unitarietà per il fatto di essere articolato in gradi distinti, sicché la sopravvenuta carenza dell’interesse al ricorso di primo grado determina l’improcedibilità non solo dell’appello – indipendentemente da chi l’abbia proposto –, ma pure dell’impugnativa originaria spiegata innanzi al giudice di primo grado, e comporta quindi, qualora non si verta in ipotesi di difetto della condizione dell’azione inficiante il solo giudizio di appello (situazione che non ricorre nel caso di specie) l’annullamento senza rinvio della sentenza impugnata (v. in tal senso, ex plurimis, Cons. Stato, Sez. VI, 4 giugno 2019, n. 3752; Sez. IV, 1° agosto 2018, n. 4741; Cons. Stato, Sez. V, 11 ottobre 2017, n. 4699).

7. – Ne consegue che va dichiarato improcedibile il ricorso di primo grado per sopravvenuta carenza di interesse e, per l’effetto, va annullata l’impugnata sentenza senza rinvio, con conseguente improcedibilità anche dell’appello.

8. – Poiché la revoca della gara è intervenuta dopo la proposizione degli appelli, le spese del doppio grado di giudizio vanno poste a carico della stazione appaltante ASL 2 Lanciano-Vasto-Chieti, la quale deve provvedere anche al rimborso del contributo unificato versato da ciascuna delle controparti in primo e/o in secondo grado.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza), definitivamente pronunciando sull’appello, come in epigrafe proposto, così dispone:

– riunisce gli appelli RG 5641 del 2019, n. 5848 del 2019 e n. 5897 del 2019;

– dichiara improcedibile il ricorso di primo grado per sopravvenuta carenza di interesse e, per l’effetto, annulla l’impugnata sentenza senza rinvio, con conseguente improcedibilità anche degli appelli riuniti;

– condanna la ASL 2 Lanciano-Vasto-Chieti a rifondere alle società Willis Italia S.p.A., Aon S.p.A. Insurance & Reinsurance Brokers, Assiteca S.p.A. e Mash S.p.A. le spese del doppio grado di giudizio che liquida, per ciascuna di esse, in complessivi € 1.500,00 oltre accessori di legge;

– condanna la ASL 2 Lanciano-Vasto-Chieti a rifondere alle società Willis Italia S.p.A., Aon S.p.A. Insurance & Reinsurance Brokers, Assiteca S.p.A. e Mash S.p.A. le spese relative al contributo unificato da esse sostenuto in relazione all’intero contenzioso.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 3 ottobre 2019 con l’intervento dei magistrati:

Roberto Garofoli, Presidente

Paola Alba Aurora Puliatti, Consigliere

Stefania Santoleri, Consigliere, Estensore

Giovanni Pescatore, Consigliere

Raffaello Sestini, Consigliere

L’ESTENSORE IL PRESIDENTE
Stefania Santoleri Roberto Garofoli

IL SEGRETARIO